logotype

"Non camminare davanti a me...

...Potrei non seguirti

Non camminare dietro a me...

...Potrei non esserti guida


Cammina al mio fianco ed insieme troveremo la via"

(Albert Camus)

opl

Riflessioni

Seguici

Quando rivolgersi ad uno psicologo

In un certo senso, tutti possono beneficiare di un aiuto psicologico che possa aumentare e mantenere il proprio benessere. Ci sono casi però in cui è necessario o consigliabile cercare un aiuto psicologico.
E’ raccomandabile chiedere un aiuto psicologico, quando vi è un problema che trascende le risorse che hai in un determinato momento della tua vita per risolverlo e di conseguenza ti provoca disagio e sofferenza.
Un disagio si materializza quando c'è una discrepanza tra ciò che si fa e ciò che si vuole fare, o tra i risultati ottenuti (comportamentali ed emotivi) ed i risultati che si desidera avere, ed è per questo motivo che le persone possono avere bisogno di un aiuto psicologico.
A volte non è così facile rilevare questa discrepanza e tutto quello che percepisci è il disagio, l’insoddisfazione o la sofferenza.
Il motivo per il quale chiedere aiuto ad uno psicologo, uno psicosessuologo o uno psicoterapeuta, può essere una difficoltà personale, un disagio, una problema psicologico che compromette una parte o la totalità del tuo benessere psicologico, una situazione dolorosa (una malattia, un lutto, un trauma, una separazione), difficoltà relazionali come problemi di coppia o a livello lavorativo , oppure il desiderio di cambiare e di migliorarsi.

Privacy e psicologia

Gli adempimenti richiesti allo Psicologo o Psicoterapeuta dal D.Lgs. 196/2003 in materia di Privacy prevedono che i dati personali di cui viene in possesso il professionista nello svolgimento dell'attività lavorativa siano custoditi con la massima cura.
E’ altresì necessario che lo Psicologo faccia sottoscrivere al proprio cliente, all'atto del conferimento dell'incarico professionale, una informativa (che esprima cioè il suo consenso) al trattamento sia dei dati personali di tipo generico, sia di quelli considerati "sensibili".
Il consenso è validamente prestato solo se è espresso liberamente, in forma specifica e documentata per iscritto, e se sono state date all'interessato (cliente-committente), per iscritto o verbalmente, le seguenti informazioni (art. 13 del D.Lgs. 196/2003):
• Sulle finalità (per l'espletamento dell'incarico professionale) e modalità del trattamento cui sono destinati i "dati personali".
• Sulla necessità del conferimento di tutti quei dati che sono indispensabili per l'assolvimento dell'incarico professionale.
• Circa l'ambito professionale di comunicazione o diffusione dei dati stessi.
• Sui diritti dell'interessato (cliente-utente) circa il trattamento dei suoi dati personali: diritti elencati nell'art. 7 del D.Lgs. 196/2003.
• Il nome e l'indirizzo del "responsabile" dove sia una persona diversa dal libero professionista quale "titolare" dei dati e del trattamento dei dati.

Chi è lo psicoterapeuta

Lo psicoterapeuta è un professionista che si occupa della cura di disturbi psicologici di natura ed entità diversa, che vanno dal disagio personale fino alle più gravi forme di psicopatologia.
Lo psicoterapeuta possiede sia le necessarie competenze per comprendere la natura di un disagio psicologico, sia un bagaglio di tecniche e strategie che possono favorire, attraverso un percorso di psicoterapia, la risoluzione del disagio stesso.
Essere psicoterapeuta significa aver conseguito una laurea quinquennale in psicologia o in medicina e successivamente aver conseguito un diploma quadriennale di specializzazione in psicoterapia presso una scuola di specializzazione riconosciuta dal MIUR (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca).
Essere psicoterapeuta significa non poter prescrivere farmaci in quanto non abilitato dalla propria formazione professionale (al contrario dello psichiatra).
Essere psicoterapeuta significa svolgere attività di psicoterapia individuale, di coppia, familiare e di gruppo, allo scopo di migliorare il benessere psicologico del/i clienti, attraverso la costruzione di un percorso terapeutico condiviso.
Infine essere psicoterapeuta significa collaborare con altre figure professionali (medico di base, psichiatra, neuropsichiatra infantile, dietologo, ecc.), in funzione di un approccio interazionale che possa portare risultati più efficaci.

Cos'è la psicoterapia

La psicoterapia è un trattamento che utilizza come strumento di guarigione il processo di comunicazione tra lo psicoterapeuta ed il cliente.
Il suo scopo principale è quello di modificare le emozioni, i comportamenti e le idee disfunzionali e di conseguenza di migliorare il benessere psicologico delle persone.
Lo psicoterapeuta è un professionista specializzato nel trattamento di problemi psicologici e comportamentali.
La psicoterapia è un processo che prevede incontri ad intervalli regolari (settimanali o quindicinali), nei quali il terapeuta ed il cliente costruiscono insieme il percorso terapeutico; il cliente, quale miglior conoscitore di sé stesso e della propria storia fornirà le informazioni salienti, mentre il terapeuta metterà a disposizione le proprie competenze tecniche e cliniche, in funzione degli obiettivi precedentemente stabiliti insieme.
Il risultato atteso di un percorso di psicoterapia è quello di modificare il comportamento psicologico e le idee disfunzionali che hanno contribuito alla nascita e al mantenimento del disagio, migliorando così la qualità della vita del cliente.

Chi è lo psicologo

Lo psicologo è un professionista con competenze cliniche che può aiutare le persone a risolvere efficacemente i problemi della vita quotidiana e i disagi psicologici.
Lo psicologo utilizza le metodologie afferenti alle discipline psicologiche con lo scopo di facilitare il miglioramento ed il superamento delle problematiche psicologiche.
Essere psicologo significa aver ottenuto una laurea quinquennale in psicologia, aver superato un esame di stato, un tirocinio formativo annuale ed essere iscritto all’Ordine degli Psicologi.
Essere psicologo significa aggiornare costantemente le proprie competenze ed utilizzare esclusivamente le tecniche per le quali ha ottenuto la necessaria formazione.
Essere psicologo significa osservare l'obbligo deontologico a mantenere il segreto su tutto ciò di cui venga a conoscenza nell'esercizio della propria professione.
Infine essere psicologo significa qualcosa di qualitativamente molto differente da una persona a cui vogliamo bene, infatti soltanto il primo conosce ed utilizza specifiche tecniche per favorire il benessere psicologico delle persone.

2021  Il viaggio di Ulisse  Powered by Studio A.M. 

Questo sito utilizza i cookie Privacy