logotype

"Non camminare davanti a me...

...Potrei non seguirti

Non camminare dietro a me...

...Potrei non esserti guida


Cammina al mio fianco ed insieme troveremo la via"

(Albert Camus)

opl

Riflessioni

Seguici

Il percorso psicoterapeutico: un viaggio dentro al viaggio

La persona che vive un percorso terapeutico, proprio come Ulisse, è una persona che viaggia nel viaggio della vita.

Partendo dalla propria patria ( la terra del padre per Ulisse, le origini e i copioni familiari per noi) approda in luoghi sconosciuti abitati da sirene, streghe, giganti, mostri e mangiatori di uomini, in cui si confronta accanto al terapeuta con parti sconosciute di sé.

Nel viaggio psicoterapeutico, proprio come nel viaggio di Ulisse, paziente e terapeuta vivono accanto, un processo di individuazione. L’Ulisse paziente, partendo da una posizione di immobilità, di unità simbiotica e fusione con la propria matrice familiare, attraversa uno stato di separazione dalla “terra del padre”, dalle “origini”, per poi riunificarsi con quella stessa terra in una unità non più confusa, bensì distinta.

Il percorso psicoterapeutico proprio come l’Odissea, ha inizio con il viaggio di andata nell’affronto dei demoni interni: il canto delle sirene ne è metafora delle voci “di dentro”, depositarie di un sapere, di reminescienze, contenuti rimossi della coscienza che l’Ulisse paziente giunge a riconoscere, ricordando.

Ed è proprio ricordando che Ulisse racconta ad Alcino il suo viaggio di andata, attraverso un racconto” favoloso” definito doloroso.

Come Ulisse, il paziente giorno dopo giorno, evento dopo evento, deve lasciare i propri compagni di viaggio, perdere parti di sé per riuscire a differenziarsi.

Il sostenersi al ramo di fico così come nell’alleanza terapeutica, conduce entrambe fuori dalla nebbia di separazione tra l’umano e il non umano, passando attraverso una bocca, e poi un’altra e un’altra ancora fino a che nell’ultima Cariddi scompare permettendo ai due di raggiungere l’isola di Ogigia dove Calipso, offre una sosta divina eterna.

Ma il ritorno non si può scordare e assimilati molti tesori prima inconsci, che saranno utili nell’affronto dei Proci metafora di demoni esterni, avviene la ripartenza e la traversata in mare su di una fragile zattera per la riconciliazione con la terra di origine, ora non più confusa ma distinta.

Dott.ssa Tamara Mondini

2020  Il viaggio di Ulisse  Powered by Studio A.M. 

Questo sito utilizza i cookie Privacy